Get Adobe Flash player
Home Casi Giudiziari Risarcimento del danno patrimoniale anche alle casalinghe
Condividi

Risarcimento del danno patrimoniale anche alle casalinghe

Casi Giudiziari

La casalinga coinvolta in un incidente stradale ha diritto al risarcimento del danno, anche patrimoniale, purché venga dimostrata la riduzione della sua capacità lavorativa. Continua a ribadirlo la Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi sul caso di una donna catanese che,  rimasta coinvolta in un incidente stradale, si era rivolta al Tribunale prima e alla Corte territoriale successivamente, al fine di ottenere oltre a quello biologico e morale, anche il risarcimento del danno patrimoniale, ma senza alcun successo. Gli Ermellini, invece, con la recente sentenza del Novembre dello scorso anno (n. 23573 del 11.11.2011 Sez. III) hanno confermato quanto già in precedenza riconosciuto in ordine al diritto delle casalinghe al risarcimento del danno patrimoniale. La Suprema Corte, infatti, pur ancorando il risarcimento del danno alla dimostrazione dell’effettiva perdita della capacità lavorativa, così da rendere necessario verificare caso per caso l’attuale o prevedibile incidenza dei postumi sulla capacità di lavoro, anche generica, della vittima, ha ritenuto risarcibile il danno da riduzione della capacità di lavoro sofferto da chi, come la casalinga, provvede da sé alla cura della casa. Nel caso specifico, avendo la vittima dimostrato una maggiore onerosità nello svolgimento del lavoro domestico, cagionata dai danni sofferti a causa del sinistro stradale occorso, la richiesta della stessa è stata ritenuta legittima e quindi  meritevole di accoglimento.

 

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE