Get Adobe Flash player
Home Casi Giudiziari G8 Genova: condannati i vertici della Polizia
Condividi

G8 Genova: condannati i vertici della Polizia

Casi Giudiziari

Sono state confermate le condanne per falso aggravato inflitte agli alti funzionari di polizia coinvolti nei fatti di violenza avvenuti alla scuola Diaz di Genova il 21 luglio 2001, quando vennero arrestati e poi prosciolti oltre 60 feriti e 93 arrestati, tra i quali molti giovani stranieri. Il blitz alla scuola Diaz-Pertini, dove alloggiavano manifestanti antiliberisti giunti nel capoluogo ligure per le manifestazioni contro il G8 del 2001, avvenne nella notte tra il 21 e il 22 luglio, il giorno dopo la morte di Carlo Giuliani. All’operazione presero parte centinaia di poliziotti, e nessuno è mai stato in grado di fornirne il numero esatto, dato che – come è emerso ai processi – molti agenti e funzionari si aggregarono spontaneamente al contingente.
Oggi la Corte di Cassazione, ha reso definitive la condanna a 4 anni inflitta a Giovanni Luperi e Francesco Gratteri, quella a 5 anni per Vincenzo Canterini, nonché le pene, pari a 3 anni e 8 mesi, inflitte a Gilberto Caldarozzi, Filippo Ferri, Fabio Ciccimarra, Nando Dominici, Spartaco Mortola, Carlo Di Sarro, Massimo Mazzoni, Renzo Cerchi, Davide Di Novi e Massimiliano Di Bernardini.

Prescritti, invece, i reati di lesioni gravi contestati a nove agenti appartenenti al settimo nucleo speciale della Mobile all’epoca dei fatti. Per gli alti funzionari di polizia condannati in via definitiva dalla Cassazione per i fatti avvenuti alla scuola Diaz di Genova scatta ora l’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. La Suprema corte ha infatti confermato anche questa pena accessoria. Gli imputati dovranno risarcire le parti civili, come già disposto nelle sentenze di merito, ma nessuno di questi finirà in carcere, poiché 3 anni della pena sono coperti da indulto. Per loro, oltre all’interdizione per 5 anni, dovrebbe essere emessa anche una sanzione disciplinare. I legali delle parti  attendono con ansia le motivazioni della sentenza, per verificare la valutazione delle prove e le argomentazioni tecnico-giuridiche adottate dai giudici di legittimità

 
Articoli Correlati
Seguici su Facebook    Seguici su Twitter    Feed Rss Atom    Seguici su Google +    Guarda i nostri video

HOME | MAPPA DEL SITO | POLITICA | ECONOMIA | CRONACA | CULTURA E SOCIETA' | SPORT | LIBRI | DIRITTO E ROVESCIO | CASI GIUDIZIARI

LOGIN | WEBMAIL | LA REDAZIONE